cover-gomorrhanius

Liber Gomorrhianus


Warning: array_sum() expects parameter 1 to be array, string given in /home/rober335/public_html/letture/wp-content/plugins/woocommerce/includes/abstracts/abstract-wc-product.php on line 1120

10,00

Autore: san Pier Damiani

Introduzione di Roberto de Mattei

Traduzione a cura di Gianandrea de Antonellis

San Pier Damiani (1007-1072), abate del monastero di Fonte Avellana e poi cardinale vescovo di Ostia, fu una delle personalità più di spicco della riforma cattolica dell’undicesimo secolo. Il suo Liber Gomorrhianus apparve attorno al 1049, in un’epoca in cui la corruzione era largamente diffusa, fino ai vertici del mondo ecclesiastico. In questo scritto, diretto al Papa Leone IX, Pier Damiani denuncia i vizi perversi del suo tempo con un linguaggio che non conosce falsa misericordia e compromessi.

Egli è convinto che di tutti i peccati, il più grave sia la sodomia, termine che comprende tutti gli atti contro natura, che vogliono soddisfare il piacere sessuale distogliendolo dalla procreazione. “Se questo vizio assolutamente ignominioso e abominevole non sarà  immediatamente fermato con un pugno di ferro, – scrive – la spada della collera divina calerà su di noi, portando molti alla rovina”. Papa Leone accolse con gratitudine il Liber Gomorrhianus, scrivendo a Pier Damiani che “ognuna delle affermazione di questo scritto incontra la nostra approvazione, come acqua gettata sul fuoco diabolico” e, raccogliendo le indicazioni del santo, intervenne con fermezza contro i sodomiti nella Chiesa.

Oggi, scrive Roberto de Mattei nella sua introduzione all’opera, “il Liber Gomorrhianus ci ricorda che c’è qualcosa di più grave del vizio morale praticato e teorizzato. È il silenzio di chi dovrebbe parlare, l’astensione di chi dovrebbe intervenire, il legame di complicità che si stabilisce tra i malvagi e coloro che, con il pretesto di evitare lo scandalo, tacciono e tacendo acconsentono e, peggio ancora, l’accettazione da parte di uomini di Chiesa dell’omosessualità, considerata non come un gravissimo peccato, ma come una ‘tensione’ positiva verso il bene, degna di accoglienza pastorale e di protezione giuridica […]. Porterà la lettura del Liber Gomorrhianus a infondere nel cuore di qualche prelato o laico lo spirito di san Pier Damiani, scuotendolo dal torpore e spingendolo a parlare e ad agire?”

Roberto de Mattei è professore di Storia moderna e del cristianesimo all’Università Europea di Roma e presidente della Fondazione Lepanto.
Gianandrea de Antonellis, scrittore, ha insegnato Letteratura cristiana all’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Benevento.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Liber Gomorrhianus”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *